Sostieni il sito, dona con PayPal

Clicca qui per contattarci! 
18 Febbraio 2018 FAQ  ::  Elenco/PDI Distributori  ::  Mappa Distributori  ::  Prove  ::  Installatori  ::  Galleria  ::  Forum  ::  MetAnnunci  ::  Contatti   Entra o Registrati
https://www.AUTOparti.IT
X3Energy SpA 
Dinamica Ecoservizi 
www.TuttoAutoRicambi.it
Menu di navigazione
Sostieni il sito
I nostri gadgets
Fai una donazione e ordina i nostri gadgets!


I nostri volantini
Scarica, stampa e diffondi i nostri volantini!



Metti il nostro banner sul tuo sito! Copia e incolla il codice e poi...faccelo sapere.
Links e Downloads
  Links totali:419
  Categorie: 19
  Click: 274977

  File totali: 335
  Categorie: 15
  Downloads: 503209
  Traffico:  893.99 Gb

Ultimi Links
 1: Video di metanoauto.com - Rifornimento metano self-service in Francia e Lussemburgo
 [ Click: 251 ]
 2: Video - Servizio 'Les stations de gaz naturel en Belgique' di RTBF
 [ Click: 66 ]
 3: Video - Test di durabilità su pedana oscillante applicato a una cisterna criogenica
 [ Click: 67 ]

Links più cliccati
 1: Mappa aggiornata di incentivi ed agevolazioni, statali e locali
 [ Click: 34092 ]
 2: Dossier metano di Automobilismo - II parte
 [ Click: 9535 ]
 3: Metauto Magazine: Doblò NP 1.4 T-jet
 [ Click: 5928 ]

Ultimi Downloads
 1: Osservazioni di metanoauto.com sulla proposta di modifica della norma sul rifornimento self-service
 [ Prelevamenti: 598 ]
 2: Manuale d'uso e manutenzione Opel Astra K, incluse versioni a metano
 [ Prelevamenti: 303 ]
 3: D.Lgs. 16.12.2016, n. 257 - Recepimento direttiva Dafi - Allegato III - Quadro strategico nazionale
 [ Prelevamenti: 401 ]

File più scaricati
 1: Confronto costi gestione auto a metano, gpl, benzina e gasolio
 [ Prelevamenti: 69353 ]
 2: Calcolo autonomia in base alla capacità installata
 [ Prelevamenti: 60522 ]
 3: Listino prezzi impianti 2006
 [ Prelevamenti: 19140 ]
Flussi RSS
rss Notizie
rss Forum
rss Downloads
rss Links
rss Annunci

EROGATORI METANO ISO 14469 PREVISTI ANCHE DALLA DAFI, SONO COSÌ… SCANDALOSI?
La rete di distribuzioneFin dal 2008 e dal 2014 è normata la tipologia di erogatori per il self-service, poi la Dafi e il D.Lgs. 257/2016 lo hanno confermato, ma l'opposizione all'obbligatorietà «dietro le quinte» è serrata. Con buona pace dei tanti proclami pro mobilità a metano e biometano.

Si vuole incentivare ed agevolare la mobilità a metano? A parole tutti lo sono, i fatti sono poi assai diversi.

Piccola premessa. Con la «discesa in campo» dei produttori esteri anni fa ci si è abituati a veder rifornire le auto di produzione non italiane con adattatori. Non è che le auto GNC estere siano sul mercato da ieri, per intenderci, e di acqua ne è passata sotto i ponti. Forse pochi lo sanno, ma ciò è da sempre in contrasto con qualsiasi norma di comportamento in Europa, ad eccezione per l'appunto dell'Italia, come si può vedere ogni giorni in gran parte degli impianti di rifornimento.

Già qui ci sarebbe da discutere perché chi parla, non di rado straparla, di sicurezza durante i rifornimenti, fa poi una battaglia di retroguardia serrata e continua contro l'adozione generalizzata degli erogatori GNC a norma self, per tacere del palese retrogrado e insensato boicottaggio sul self-service, ma su questo ci siamo già espressi anche a livello ufficiale.


L'immagine che si trova in qualsiasi distributore di metano in Europa: gli adattatori sono vietati... ma sono la regola nella maggior parte degli impianti italiani. Incredibile, ma vero.


Nel Decreto Legislativo 257/2016 che ha recepito la direttiva DAFI, all'articolo 6, comma 10, si legge:

10. I punti di rifornimento per il GNC per i veicoli a motore introdotti o rinnovati dal 18 novembre 2017 si conformano alle specifiche tecniche di cui all'allegato I, punto 3.4.

Ecco cosa prevede l'allegato I:

3.3. Specifiche tecniche per i connettori/serbatoi per GNC
I connettori/serbatoi per GNC devono essere conformi al regolamento n. 110 dell'UNECE (che fa riferimento alle parti I e II della norma ISO 14469).
3.4. Specifiche tecniche per i punti di rifornimento di GNC per veicoli a motore adottate con atti delegati.


Il risultato è una norma che prevede l'adattamento alla normativa europea ma poi si parla di specifiche «adottate con atti delegati» senza peraltro prevedere una data entro cui adottarli. Nella Dafi tale frasetta non esiste, chi l'ha fatta inserire nella norma di recepimento italiana? Domanda retorica, ovviamente.

Ancor più inspiegabile il tutto se si considera che nel nostro sondaggio dei nostri utenti ben l'86,78% dichiara che «ho già l'attacco NGV1/universale nello sportellino o nel paraurti».

L'opposizione appare davvero insensata ad un inevitabile ammodernamento della rete che si poteva imporre gradualmente già dal D.M. 11.9.2008, ma allora non lo si fece come non lo si fece con il D.M. 31.3.2014. Di certo non è casuale ed è fattuale.

Si può solo presumere che tale opposizione sia preordinata semplicemente ad evitare di dover investire nell'adeguamento della rete che vede come terrificante scenario (non se ne comprendono le ragioni...) qualsiasi norma che adegui l'Italia al self-service presidiato e non presidiato, da sempre la normalità in Europa.


La maggior parte degli impianti di rifornimento di metano per auto sono dotati di erogatori di questo tipo ma si "combatte" tenacemente senza clamore per non sostituirli.... Da almeno un decennio si sa che non sono a norma self e costringono all'uso di adattatori, vietati nel resto d'Europa, per auto con valvole di carico R110 installate su auto GNC di produzione estera.


Con la rete per gran parte con erogatori non a norma ISO 14469, appare inutile stare ad annunciare programmi di sviluppo della mobilità a metano o di allargamento della rete che continua a crescere non di rado dove già esiste. Così si scontenteranno gli utenti e questi saranno utenti persi per sempre. E poi ci si lamenta del calo delle immatricolazioni di auto a metano ma anche l'obsolescenza della rete al centro di questo intervento contribuisce e non poco. Solo i diretti interessati paiono non capirlo? Davvero difficile crederlo. A furia di opposizioni con una lungimiranza di cortissima portata, alla fine potrebbe finire con la classica "zappa sui piedi". Il mercato un significativo segnale negativo l'ha già dato.

Cosa non si fa per difendere (?) il proprio settore. Almeno ci fosse un po' di coerenza con quanto viene detto nelle occasioni ufficiali pro mobilità a metano/biometano. Un auspicio destinato, però, a rimanere tale.


Uno dei tipi di erogatore a norma ISO 14469, previsti fin dal 2008 in Italia, ma che finora trovano poca applicazione presso gli impianti nella penisola, solo per motivi di costo?


Nota: (Fonte: redazione metanoauto.com ©)
Inserito Thursday 8 February 2018 da mdlbz (430 letture)
 
Links Correlati
· Altre notizie in La rete di distribuzione
· Notizie pubblicate da mdlbz


Articolo più letto relativo a La rete di distribuzione:
AUTOSTRADE, 33 NUOVI DISTRIBUTORI LUNGO A1 ED A14

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 5
Voti: 2

Eccellente

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON abilitati per gli ospiti, registrati

Re: EROGATORI METANO ISO 14469 PREVISTI ANCHE DALLA DAFI, SONO COSÌ… SCANDALOSI? (Voto: 1)
da casty Thursday 8 February 2018
(Info Utente )
In Italia le norme si interpretano a piacere.
Una virgola qui, una là...
Siamo un paese di creativi e di avvocati...



Re: EROGATORI METANO ISO 14469 PREVISTI ANCHE DALLA DAFI, SONO COSÌ… SCANDALOSI? (Voto: 1)
da BATTY Thursday 15 February 2018
(Info Utente )
Le corporazioni riescono sempre a mettere un sassolino tra gli ingranaggi per bloccarli


:: fisubsilver shadow phpbb2 style by Daz :: PHP-Nuke theme by coldblooded (www.nukemods.com) ::