Clicca qui per contattarci! 
Sostieni il sito, dona con PayPal

17 Ottobre 2019 FAQ  ::  Elenco/PDI Distributori  ::  Mappa Distributori  ::  Prove  ::  Installatori  ::  Galleria  ::  Forum  ::  MetAnnunci  ::  Contatti   Entra o Registrati
https://www.AUTOparti.IT
X3Energy SpA 
www.TuttoAutoRicambi.it
Menu di navigazione
Links e Downloads
  Links totali:468
  Categorie: 19
  Click: 295263

  File totali: 339
  Categorie: 15
  Downloads: 527038
  Traffico:  1237.40 Gb

Ultimi Links
 1: Video - Arrivo e installazione primi tre serbatoi GNL a Santa Giusta, Oristano
 [ Click: 144 ]
 2: Video - Impianto di produzione e distribuzione biometano a Roncocesi Biomether 2019
 [ Click: 35 ]
 3: Video - Realizzazione impianto Enercoop con metano liquido e gassoso a Cesena
 [ Click: 64 ]

Links più cliccati
 1: Mappa aggiornata di incentivi ed agevolazioni, statali e locali
 [ Click: 35085 ]
 2: Dossier metano di Automobilismo - II parte
 [ Click: 10312 ]
 3: Metauto Magazine: Doblò NP 1.4 T-jet
 [ Click: 6531 ]

Ultimi Downloads
 1: Circ. min. 22/02/2016, Prot. n. 4327 Div3/H: Riq. periodica bombole CNG4 - Comunicato Comitato GFBM
 [ Prelevamenti: 42 ]
 2: D.M. 12 marzo 2019 in G.U. 20 marzo 2019 - Self service metano impresidiato
 [ Prelevamenti: 2068 ]
 3: Presentazione progetto logistica ContainerShips-LNG
 [ Prelevamenti: 149 ]

File più scaricati
 1: Confronto costi gestione auto a metano, gpl, benzina e gasolio
 [ Prelevamenti: 71776 ]
 2: Calcolo autonomia in base alla capacità installata
 [ Prelevamenti: 62395 ]
 3: Listino prezzi impianti 2006
 [ Prelevamenti: 19362 ]
Flussi RSS
rss Notizie
rss Forum
rss Downloads
rss Links
rss Annunci

Sostieni il sito
I nostri gadgets
Fai una donazione e ordina i nostri gadgets!


I nostri volantini
Scarica, stampa e diffondi i nostri volantini!



Metti il nostro banner sul tuo sito! Copia e incolla il codice e poi...faccelo sapere.
 FAQ del forum  ::  Cerca nel forum  ::  Lista iscritti  ::  Gruppi utenti  ::  Regolamento  ::  Modifica il tuo profilo

 
Rispondi nella discussione
Precedente Versione per la stampa Successivo
Autore Messaggio
mdlbz
Amministratore del sito


Registrato: 2 Dec 2005
Messaggi: 12496
Località: Bolzano-Bozen (Italia... forse...)
MessaggioInviato: Gio 3 Gen 2019, 18:05 Rispondi citandoTorna in cima

LEGGE 30 dicembre 2018, n. 145. Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021.

Rottamazione con veicolo usato (Euro 0 dispersi...) o incentivo senza rottamazione

Citazione:
1031. In via sperimentale, a chi acquista, anche in locazione finanziaria, e immatricola in Italia, dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, un veicolo di categoria M1 nuovo di fabbrica, con prezzo risultante dal listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice inferiore a 50.000 euro IVA esclusa, è riconosciuto:

a) a condizione che si consegni contestualmente per la rottamazione un veicolo veicolo della medesima categoria omologato alle classi Euro 1, 2, 3 e 4, un contributo parametrato al numero dei grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro (CO2 g/km), secondo gli importi di cui alla seguente tabella:

Image

b) in assenza della rottamazione di un veicolo della medesima categoria omologato alle classi Euro 1, 2, 3 e 4, un contributo di entità inferiore parametrato al numero dei grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro secondo gli importi di cui alla seguente tabella:

Image

1032. Il veicolo consegnato per la rottamazione deve essere intestato da almeno dodici mesi allo stesso soggetto intestatario del nuovo veicolo o ad uno dei familiari conviventi alla data di acquisto del medesimo veicolo, ovvero, in caso di locazione finanziaria del veicolo nuovo, deve essere intestato, da almeno dodici mesi, al soggetto utilizzatore del suddetto veicolo o a uno dei predetti familiari.

1033. Nell’atto di acquisto deve essere espressamente dichiarato che il veicolo consegnato è destinato alla rottamazione e sono indicate le misure dello sconto praticato e del contributo statale di cui al comma 1031.

1034. Entro quindici giorni dalla data di consegna del veicolo nuovo, il venditore ha l’obbligo, pena il non riconoscimento del contributo, di avviare il veicolo usato per la demolizione e di provvedere direttamente alla richiesta di cancellazione per demolizione allo sportello telematico dell’automobilista, di cui al regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 2000, n. 358.

1035. Ai fini di quanto disposto dal comma 1034, il venditore consegna i veicoli usati ai centri di raccolta appositamente autorizzati, anche per il tramite delle case costruttrici al fine della messa in sicurezza, della demolizione, del recupero di materiali e della rottamazione. I veicoli suddetti non possono essere rimessi in circolazione.

1036. Il contributo di cui al comma 1031 è corrisposto all’acquirente dal venditore mediante compensazione con il prezzo di acquisto e non è cumulabile con altri incentivi di carattere nazionale.

1037. Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo rimborsano al venditore l’importo del contributo e recuperano tale importo quale credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, senza applicazione dei limiti di cui all’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, e all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, presentando il modello F24 esclusivamente tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate.

1038. Fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata emessa la fattura di vendita, le imprese costruttrici o importatrici conservano copia della fattura di vendita e dell’atto di acquisto, che deve essere ad esse trasmessa dal venditore.


Incentivi per la e-colonnina casalinga:

Citazione:
1039. Dopo l’articolo 16-bis del decretolegge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, è inserito il seguente:
« Art. 16-ter. – (Detrazioni fiscali per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica) –
1. Ai contribuenti è riconosciuta una detrazione dall’imposta lorda, fino a concorrenza del suo ammontare, per le spese documentate sostenute dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021 relative all’acquisto e alla posa in opera di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, ivi inclusi i costi iniziali per la richiesta di potenza addizionale fino ad un
massimo di 7 kW. La detrazione di cui al presente comma, da ripartire tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo, spetta nella misura del 50 per cento delle spese sostenute ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 3.000 euro.
2. Le infrastrutture di ricarica di cui al comma 1 devono essere dotate di uno o più punti di ricarica di potenza standard non accessibili al pubblico ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettere d) e h), del decreto legislativo 16 dicembre 2016, n. 257.
3. La detrazione si applica anche alle spese documentate rimaste a carico del contribuente, per l’acquisto e la posa in opera di infrastrutture di ricarica di cui al comma 1 sulle parti comuni degli edifici condominiali di cui agli articoli 1117 e 1117-bis del codice civile ».

1040. Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e il Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, è dettata la disciplina applicativa delle disposizioni di cui ai commi 1031 e seguenti, con particolare riferimento alle procedure di
concessione del contributo di cui al comma 1031 e della detrazione di cui al comma 1039.

1041. Per provvedere all’erogazione dei contributi statali di cui al comma 1031 è istituito, nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico, un fondo con una dotazione di 60 milioni di euro per il 2019 e di 70 milioni per ciascuno degli anni 2020 e 2021, che costituisce limite di spesa per la concessione del beneficio.


Carbon tax all'italiana

Citazione:
1042. A decorrere dal 1° marzo 2019 e fino al 31 dicembre 2021, chiunque acquista, anche in locazione finanziaria, e immatricola in Italia un veicolo di categoria M1 nuovo di fabbrica è tenuto al pagamento di un’imposta parametrata al numero di grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro eccedenti la soglia di 160 CO2 g/km, secondo gli importi di cui alla seguente tabella:

Image

1043. L’imposta di cui al comma 1042 è altresì dovuta da chi immatricola in Italia un veicolo di categoria M1 già immatricolato in un altro Stato.

1044. L’imposta di cui al comma 1042 non si applica ai veicoli per uso speciale di cui all’allegato II, parte A, punto 5, della direttiva 2007/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 settembre 2007.

1045. L’imposta di cui al comma 1042 è versata, dall’acquirente o da chi richiede l’immatricolazione, con le modalità di cui agli articoli 17 e seguenti del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241. Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni in materia di accertamento, riscossione e contenzioso in materia di imposte sui redditi.

1046. Fino al 31 dicembre 2020 il numero dei grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro del veicolo per la determinazione del contributo di cui al comma 1031 e dell’imposta di cui al comma 1042 è relativo al ciclo di prova NEDC, come riportato nel secondo riquadro al
punto V.7 della carta di circolazione del medesimo veicolo.

1047. Al fine di monitorare lo stato di attuazione delle misure di cui ai commi 1031 e seguenti è istituito presso il Ministero dello sviluppo economico un sistema permanente di monitoraggio, che si avvale anche delle informazioni fornite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.


Tassa automobilistica ridotta del 50% per veicoli da 20 a 29 anni, se con certificato di rilevanza storica

Citazione:
1048. All’articolo 63 della legge 21 novembre 2000, n. 342, dopo il comma 1 sono inseriti i seguenti:
« 1-bis. Gli autoveicoli e motoveicoli di interesse storico e collezionistico con anzianità di immatricolazione compresa tra i venti e i ventinove anni, se in possesso del certificato di rilevanza storica di cui all’articolo 4 del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 17 dicembre 2009, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo 2010, rilasciato dagli enti di cui al comma 4 dell’articolo 60 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e qualora tale riconoscimento di storicità sia riportato sulla carta di circolazione, sono assoggettati al pagamento della tassa automobilistica con una riduzione pari al 50 per cento.
1-ter. L’onere derivante dal comma 1-bis è valutato in 2,05 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2019 ».

_________________
Kia Opirus - impianto e-G@S
Image - www.michelebolzano.wordpress.com

Ultima modifica di mdlbz il Gio 3 Gen 2019, 18:26, modificato 1 volta in totale
Nascosto Profilo Invia email HomePage
Skype
Skype
mv1959
Metanista di lungo corso


Registrato: 7 Apr 2013
Messaggi: 562
Località: Santarcangelo di Romagna RN
MessaggioInviato: Gio 3 Gen 2019, 18:16 Rispondi citandoTorna in cima

Sbalordito Sbalordito Sbalordito non sono un genio ma insomma uno straccio di laurea ce l'ho, eppure non ci capisco un caxxo... perchè in Italia è sempre tutto così nebuloso
Offline Profilo Invia email
Marshgas
Metanista evoluto


Registrato: 5 Jan 2018
Messaggi: 198
Località: Brescia
MessaggioInviato: Gio 3 Gen 2019, 18:47 Rispondi citandoTorna in cima

La verità è che in Italia ogni volta che credi di aver toccato il fondo, ti sbagli, sei solo all'inizio.

Hanno fatto una legge prendendo come parametro la CO2, va bene il riscaldamento globale, ma personalmente avrei preso in maggiore considerazione altri inquinanti come NOx, PM10, PM100, PM1000... ricordiamo che quando si predispongono i blocchi del traffico, questi sono dovuti agli inquinanti scritti poco sopra.

Inoltre io non commetterei mai l'errore di rilevare soltanto al CO2, NOx... dello scarico dell'automobile, ma sommerei tutta la catena produttiva dall'inizio alla fine sia dell'automobile sia del carburante.

Ci stiamo ostinando a promuovere l'elettrico non guardando oltre al proprio naso, va bene che da un'automobile elettrica non escono inquinanti dallo scarico, ma la CO2 per la produzione delle batterie? Dopo 8/9 anni, tutte queste batterie dove le buttiamo? Attualmente ci sono solo studi sul loro utilizzo per i pannelli solari, ma è una goccia in un mare.

Una legge di questo tipo è a favore del gasolio e contraria al metano. Le auto a gasolio emettono minor CO2 di benzina e metano, unica caratteristica positiva di questa alimentazione. Nel frattempo non incentiviamo il metano, anzi tassiamolo come magari l'artigiano che se vuole comprare il Fiat Qubo a metano dovrà sborsare al Governo 1100 €
Offline Profilo Invia email
catoblepa
Metanista evoluto


Registrato: 24 Mar 2011
Messaggi: 119
Località: genova
MessaggioInviato: Sab 5 Gen 2019, 14:02 Rispondi citandoTorna in cima

Scusate la mia ignoranza, anche io non ci ho capito un caxxo.
Tutto questo cosa vuol dire ? Se io quest'anno acquisto, per esempio una Opel astra o una seat arona a metano devo pagare 1100 euro allo stato!!!!
se è così siamo veramente allo sfascio ...
Offline Profilo Invia email
Marshgas
Metanista evoluto


Registrato: 5 Jan 2018
Messaggi: 198
Località: Brescia
MessaggioInviato: Sab 5 Gen 2019, 14:19 Rispondi citandoTorna in cima

No, non paghi nessuna tassa perchè non superano i 160 g di CO2
Offline Profilo Invia email
ariosto
Amministratore del sito


Registrato: 18 Apr 2005
Messaggi: 12269
Località: Brescia, Italia
MessaggioInviato: Sab 5 Gen 2019, 14:19 Rispondi citandoTorna in cima

No, l'imposta è solo per auto con emissioni di CO2 superiori a 160 g/km: nessuna auto a metano di serie si avvicina a questo valore.

_________________
Opel Astra ST Turbo 103 kW, oltre 150.000 km. ovviamente a metano (4,246 cent/km)
Nascosto Profilo Invia email HomePage
catoblepa
Metanista evoluto


Registrato: 24 Mar 2011
Messaggi: 119
Località: genova
MessaggioInviato: Sab 5 Gen 2019, 14:21 Rispondi citandoTorna in cima

Ok grazie , una buona notizia !!

Allora, ora guardando le tabelle per gli incentivi, a quanto pare non c'è nessun incentivo per il metano o mi sbaglio !

Post contigui accorpati: rileggi attentamente l'art. 2p del Regolamento! Admin ariosto
Offline Profilo Invia email
maxstilo
Ambasciatore del metano


Registrato: 22 May 2014
Messaggi: 799
Località: Chioggia-Udine
MessaggioInviato: Sab 5 Gen 2019, 15:16 Rispondi citandoTorna in cima

Nessuna, nella prima fascia dell'incentivo(0-20 gr/km di co2) rientrano solo auto elettriche, nella seconda fascia (21-70 gr/km di co2) rientrano le ibride plug-in e una sola hybrid pura (nessuna mild), in pratica l'emblema dell'ibrido nel mondo: la prius nella versione normale (non +).
Offline Profilo Invia email
Marshgas
Metanista evoluto


Registrato: 5 Jan 2018
Messaggi: 198
Località: Brescia
MessaggioInviato: Sab 5 Gen 2019, 16:18 Rispondi citandoTorna in cima

ariosto ha scritto:
No, l'imposta è solo per auto con emissioni di CO2 superiori a 160 g/km: nessuna auto a metano di serie si avvicina a questo valore.


Come scrivevo sopra Qubo e qualche Dr rientrano nella tassazione, mi sbaglio?
Offline Profilo Invia email
jefff
Metanista di lungo corso


Registrato: 9 Oct 2009
Messaggi: 500
Località: torino
MessaggioInviato: Sab 5 Gen 2019, 16:44 Rispondi citandoTorna in cima

la solita legge fatta col c... ehm, coi piedi. Di fatto favorisce il gasolio, favorisce veicoli non fabbricati in italia, non fa nulla per combattere l'inquinamento. Infatti ricordo che la co2 non è un inquinante! E' vero che emettere troppa co2 causa in minima parte l'effetto serra, ma posto che ne abbia, il risultato concreto di sto cavolo di legge sul riscaldamento globale sarà pari a zero. Paradossalmente, avendo un'auto a puzzolio sarò disincentivato ad esempio dall'usare il treno o il bus e si emetterà più co2..... e poi favorisce qualche riccone che può permettersi di spendere 50mila euro per l'auto elettrica. Se proprio dovevano raccattare soldi mascherandola de eco tassa, potevano usare quei soldi per cambiare i bus pubblici e passarli tutti a metano, invece di incentivare qualche 'cummenda' a comprarsi l'auto elettrica prodotta all'estero per la moglie.
Offline Profilo Invia email
Mostra prima i messaggi di:      
Rispondi nella discussione
Precedente Versione per la stampa Successivo
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum



Powered by phpBB © 2001 phpBB Group

Version 2.0.6 of PHP-Nuke Port by Tom Nitzschner © 2002 www.toms-home.com
:: fisubsilver shadow phpbb2 style by Daz :: PHP-Nuke theme by coldblooded (www.nukemods.com) ::