Clicca qui per contattarci!  Clicca qui per contattarci! 
13 Novembre 2019 FAQ  ::  Elenco/PDI Distributori  ::  Mappa Distributori  ::  Prove  ::  Installatori  ::  Galleria  ::  Forum  ::  MetAnnunci  ::  Contatti   Entra o Registrati
https://www.AUTOparti.IT
X3Energy SpA 
www.TuttoAutoRicambi.it
Menu di navigazione
Links e Downloads
  Links totali:468
  Categorie: 19
  Click: 296052

  File totali: 339
  Categorie: 15
  Downloads: 528013
  Traffico:  1247.60 Gb

Ultimi Links
 1: Video - Arrivo e installazione primi tre serbatoi GNL a Santa Giusta, Oristano
 [ Click: 159 ]
 2: Video - Impianto di produzione e distribuzione biometano a Roncocesi Biomether 2019
 [ Click: 41 ]
 3: Video - Realizzazione impianto Enercoop con metano liquido e gassoso a Cesena
 [ Click: 74 ]

Links più cliccati
 1: Mappa aggiornata di incentivi ed agevolazioni, statali e locali
 [ Click: 35119 ]
 2: Dossier metano di Automobilismo - II parte
 [ Click: 10332 ]
 3: Metauto Magazine: Doblò NP 1.4 T-jet
 [ Click: 6553 ]

Ultimi Downloads
 1: Circ. min. 22/02/2016, Prot. n. 4327 Div3/H: Riq. periodica bombole CNG4 - Comunicato Comitato GFBM
 [ Prelevamenti: 61 ]
 2: D.M. 12 marzo 2019 in G.U. 20 marzo 2019 - Self service metano impresidiato
 [ Prelevamenti: 2175 ]
 3: Presentazione progetto logistica ContainerShips-LNG
 [ Prelevamenti: 153 ]

File più scaricati
 1: Confronto costi gestione auto a metano, gpl, benzina e gasolio
 [ Prelevamenti: 71858 ]
 2: Calcolo autonomia in base alla capacità installata
 [ Prelevamenti: 62448 ]
 3: Listino prezzi impianti 2006
 [ Prelevamenti: 19368 ]
Flussi RSS
rss Notizie
rss Forum
rss Downloads
rss Links
rss Annunci

Sostieni il sito
I nostri gadgets
Fai una donazione e ordina i nostri gadgets!


I nostri volantini
Scarica, stampa e diffondi i nostri volantini!



Metti il nostro banner sul tuo sito! Copia e incolla il codice e poi...faccelo sapere.
 FAQ del forum  ::  Cerca nel forum  ::  Lista iscritti  ::  Gruppi utenti  ::  Regolamento  ::  Modifica il tuo profilo

 
Rispondi nella discussione
Precedente Versione per la stampa Successivo
Autore Messaggio
pluca
Metanista evoluto


Registrato: 12 Nov 2015
Messaggi: 120
Località: Carcare (SV)
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 04:41 Rispondi citandoTorna in cima

Premetto che vado a metano dal 1992 e purtroppo faccio un sacco di kilometri all'anno ogni miglioramento è sempre benvenuto.

Però credo che le valutazioni van fatte sui dati e mi sembra di notare qualche incoerenza:
- l'Italia è tra i primi paesi al mondo per numero di auto per abitante da 30 anni almeno.
- la val padana è considerata uno delle aree più inquinate d'Europa ed anche il resto d'Italia non mi sembra messa meglio.
- la spesa sanitaria pubblica privata mi risulta essere molto bassa tra i paesi ocse sia nel presente sia nel passato.
- mi manca l'informazione del numero di km percorsi per auto = quanto combustibile bruciamo ma data la situazione dei trasporti pubblici sospetto siano tanti.

Come direbbe Jeremy Clarkson (quello originale) "quest'anno ogni Italiano è morto 3 volte." Occhiolino

Invece siamo uno dei paesi con la più alta aspettativa di vita al mondo.

Boh a naso ci manca qualche informazione oppure usare l'auto come mezzo di trasporto prevalente è indifferente se non vantaggioso da questo punto di vista.

_________________
Golf TGI HL 2015
Offline Profilo Invia email
lapo
Ambasciatore del metano


Registrato: 8 Sep 2009
Messaggi: 913
Località: Prato
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 07:37 Rispondi citandoTorna in cima

Ragazzi l'inquinamento provocato dalle auto influira' al piu' per un 10%. Crediamo ancora alle favole? Se venissero cambiate tutte le caldaie nelle grandi citta' gia' si otterrebbero risultati concreti. detto questo la dieta mediterranea o quello che ne rimane grazie a dio ci fa tenere botta.. non so per quanto ma aiuta. IMHO

_________________
“La vita è correre, quello che viene prima o dopo, è solo attesa." Steve McQueen
Offline Profilo Invia email
Skype
Skype
JeremyClaxson
Metanista turbo


Registrato: 1 Aug 2019
Messaggi: 99
Località: (MI)
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 09:24 Rispondi citandoTorna in cima

Tutte queste cose messe assieme dimostrano e confermano la complessità della problematica e che, nelle condizioni attuali, gestito nel modo attuale, è una coperta corta. Risolvi un problema e se ne crea un altro altrove.

Concordo che dare la colpa solo alle auto è sciocco e IMHO demagogico-populista.

@pluca

Due anni fa era così: secondo me non ci siamo spostati tanto. Io ad esempio mi ritrovo perfettamente nella velocità media ma faccio più chilometri.

Dire che viviamo meglio e più a lungo perché abbiamo più auto pro capite "è un pochino tirata per i capelli" ma mette in risalto il problema dell'analisi obiettiva e profonda dei dati, della correlazione fra loro e dal nesso causale, cause e conseguenze.

Esempio al contrario:
dato1 la sardegna è senza metano.
dato2 In sardegna ci sono più centenari che in altre parti d'italia

conclusione erronea: il metano non ti fa diventare centenario.

_________________
--
Scrivo tutto a mio modesto e discutibile parere personale.
«Non attribuire mai a malafede quel che si può ragionevolmente spiegare con la stupidità.»

Ultima modifica di JeremyClaxson il Ven 4 Ott 2019, 09:31, modificato 1 volta in totale
Nascosto Profilo Invia email
GC_CH4
Metanista turbo


Registrato: 15 Mar 2019
Messaggi: 96
Località: Milano
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 09:29 Rispondi citandoTorna in cima

pluca ha scritto:
- la val padana è considerata uno delle aree più inquinate d'Europa ed anche il resto d'Italia non mi sembra messa meglio.

beh questo è una situazione che non si potra cambiare mai, neanche se tutte le auto fossero elettriche. la val padana è di fatto una depressione chiusa tra alpi e appennino. è per questo che è la zona piu inquinata d'italia.
stesso discorso che facevo prima.. molto spesso le cause di una situazione sono da trovare nell'ambiente dove agiamo.

guarda caso quest'estate non ci sono stati blocchi del traffico. l'arie era sempre entro i limiti. ora che ricominceranno ad accendere le caldaie (e tenerle a piu di 20 gradi, maledetti loro e la loro incoscienza). vedrai che si torneranno a fare blocchi dei diesel (come dal 1 ottobre avviene per gli euro 4 nella zona b di milano) e torneranno a fare i servizi sul tg, il diesel qui, il diesel li.

non ci sono ancora chiare indicazioni sul fatto che un elettrico a batteria sia, durante la vita utile, una scelta meno inquinante di altre alimentazioni. non si sa se sia meglio una batteria da 100kwh o una da 10kwh abbinata ad un endotermico benzina o diesel o metano.

la cosa certa è: da quando hanno fatto terrorismo sul motore a gasolio le vendita delle auto diesel sono diminuite MA la co2 media emessa dal settore auto è aumentata (dato di fatto). non si riscontrano miglioramenti nell'aria a livello di particolato, NOx, ecc in nessuna delle centraline di controllo dell'aria. non si riscontrano diminuzione di problemi respiratori. quindi, l'unica cosa certa è che la diminuzione delle auto diesel nel mercato italiano non ha fatto corrispondere nessun miglioramento rilevante.

l'altra cosa certa è: ad una diminuzione (a livello europeo) della rappresentatività del diesel è corrisposto una crisi del settore auto tedesco/italiano. una perdita di valore del know-how sul motore senza candele che è da sempre custodito da noi e dai tedeschi a livello mondiale. un ridimensionamento degli investimenti sul suolo italiano, http://www.ansa.it/canale_motori/notizie/industria/2019/06/20/da-bosch-allarme-diesel-si-rischiano-150-mila-posti-lavoro_bf89dd7a-ff89-4a1b-b5ee-823b11ce5845.html, che ovviamente corrisponde ad un aumento della poverta a livello nazionale.

il quadro è chiaro, stiamo incoscientemente svalutando una nostra perla (la conoscenza sul diesel) e volutamente portandoci in una zona di crisi, in nome di un miglioramento delle condizioni ambientali che però dati alla mano, non esiste.

ah, per coloro i quali diranno: si ma i posti di lavoro del diesel verranno riassorbiti da industrie green: no! nessuno viene in italia ad investire su motori elettrici, batterie, ecc. perche non abbiamo le risorse, ne il know-how, ne il costo del lavoro adatto a sostenere questi investimenti "green"
Offline Profilo Invia email
simpersi
Metanista turbo


Registrato: 12 Jul 2013
Messaggi: 64
Località: Castelnovo Bariano
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 09:54 Rispondi citandoTorna in cima

mettiamo che tutte le auto passino all'elettrico (pura utopia), poi l'elettricità con cosa la produciamo ?
Offline Profilo Invia email
vg
Amministratore del sito


Registrato: 20 Apr 2005
Messaggi: 7995
Località: Monza (MB)
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 10:24 Rispondi citandoTorna in cima

ma soprattutto le batterie come le smaltiamo, scopriamo prima come smaltire le batterie e poi passiamo pure in massa all'elettrico.

io non voglio risolvere (si fa per dire neh) un problema per ritrovarmene uno più grosso!!!

GC_CH4 ha scritto:
guarda caso quest'estate non ci sono stati blocchi del traffico. l'arie era sempre entro i limiti. ora che ricominceranno ad accendere le caldaie (e tenerle a piu di 20 gradi, maledetti loro e la loro incoscienza). vedrai che si torneranno a fare blocchi dei diesel (come dal 1 ottobre avviene per gli euro 4 nella zona b di milano) e torneranno a fare i servizi sul tg, il diesel qui, il diesel li.

non ci sono ancora chiare indicazioni sul fatto che un elettrico a batteria sia, durante la vita utile, una scelta meno inquinante di altre alimentazioni. non si sa se sia meglio una batteria da 100kwh o una da 10kwh abbinata ad un endotermico benzina o diesel o metano.

Quando siamo andati alla presentazione della A3 g-tron ci avevano fatto vedere anche la e-tron, il sottoscritto al boss di AUDI gli ha subito detto che avevano sbagliato e che la macchina giusta sarebbe stata la A3 eg-tron, la sua faccia ha detto tutto, "ma così ne vendiamo solo una" poteva essere il suo pensero, difatti dopo anni ancora non esiste una ibrida-metano in vendita, ma solo lungimirantri utenti di Metanoauto che hanno trasformato una Prius che viaggia a 40km/kg e ti rammento che meno carburante usi e meno inquini!!!

GC_CH4 ha scritto:
la cosa certa è: da quando hanno fatto terrorismo sul motore a gasolio le vendita delle auto diesel sono diminuite MA la co2 media emessa dal settore auto è aumentata (dato di fatto). non si riscontrano miglioramenti nell'aria a livello di particolato, NOx, ecc in nessuna delle centraline di controllo dell'aria. non si riscontrano diminuzione di problemi respiratori. quindi, l'unica cosa certa è che la diminuzione delle auto diesel nel mercato italiano non ha fatto corrispondere nessun miglioramento rilevante.

GC_CH4 un dato è di fatto solo se citi i valori e la fonte, una diminuizione di vendita del nuovo diesel non farà mai scendere in modo notevole i valori, visto che sono le auto più vecchie che li emettono, caso mai ci vorrebbero statistiche sulle auto demolite che potrebbero meglio far capire gli sviluppi

GC_CH4 ha scritto:
l'altra cosa certa è: ad una diminuzione (a livello europeo) della rappresentatività del diesel è corrisposto una crisi del settore auto tedesco/italiano. una perdita di valore del know-how sul motore senza candele che è da sempre custodito da noi e dai tedeschi a livello mondiale. un ridimensionamento degli investimenti sul suolo italiano, http://www.ansa.it/canale_motori/notizie/industria/2019/06/20/da-bosch-allarme-diesel-si-rischiano-150-mila-posti-lavoro_bf89dd7a-ff89-4a1b-b5ee-823b11ce5845.html, che ovviamente corrisponde ad un aumento della poverta a livello nazionale.

GC_CH4 anche nel metano siamo sempre stati i numero uno e i tedeschi non esistevano, ma stiamo sprecando una conoscenza che non ha pari a livello mondiale, sia come aziende costruttrici di kit che a livello di OEM, diciamoci chiaro che FIAT ha investito solo quando ha preso soldi dallo stato, altrimenti...

GC_CH4 ha scritto:
il quadro è chiaro, stiamo incoscientemente svalutando una nostra perla (la conoscenza sul diesel) e volutamente portandoci in una zona di crisi, in nome di un miglioramento delle condizioni ambientali che però dati alla mano, non esiste.

Fa niente se un semplice installatore brevetta un iniettore-candela che permetterebbe di trasformare tutti i motori diesel in metano e ridurre i consumi di carburante e di conseguenza l'inquinamento, ma ovviamente tutte le case automobilistiche senza clamore boicottano l'omologazione del componente, altrimenti non vendono più niente di nuovo per anni!!!

GC_CH4 ha scritto:
ah, per coloro i quali diranno: si ma i posti di lavoro del diesel verranno riassorbiti da industrie green: no! nessuno viene in italia ad investire su motori elettrici, batterie, ecc. perche non abbiamo le risorse, ne il know-how, ne il costo del lavoro adatto a sostenere questi investimenti "green"

Possiamo anche dire che gli italiani sono sicuramente quelli che ha livello mondiale inventano più cose e meglio degli altri, poi i costi sono sempre legati al successo dell'invenzione.

_________________
Dal 15 Febbraio 2010 Touran 1.4 24 kg. 211.000 km
Leggi la posizione di Metanoauto.com sul rifornimento in modalità Self Service!!!
Offline Profilo Invia email
Skype
Skype
JeremyClaxson
Metanista turbo


Registrato: 1 Aug 2019
Messaggi: 99
Località: (MI)
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 12:10 Rispondi citandoTorna in cima

vg ha scritto:
Possiamo anche dire che gli italiani sono sicuramente quelli che ha livello mondiale inventano più cose e meglio degli altri, poi i costi sono sempre legati al successo dell'invenzione.

Bella discussione Pollice su . Concordo nel citare sempre dati e fonti (come cerco di fare io) più dati ci sono e più gente ci lavora su, meglio i dati si correlano e più cose si capiscono.
Concordo sul fatto che più del comparto auto ci sono settori più impattanti a livello di inquinamento ed effetto serra, ma per qualche motivo non hanno abbastanza eco mediatica. (colpa della temutissima lobby dei caldaisti Sorriso )
Giusto chiedere quante auto si rottamano all'anno e dopo quanti anni di anzianità. Non trovo fonti.
Giustissimo analizzare qualsiasi problema da tutti i punti di vista (scrivevo prima della coperta corta)

La E-tron segue l'HYPE del veicolo elettrico alto di gamma lanciato da Tesla, quindi tutti vanno attorno a vedere questo nuovo smartTV/phone con le ruote.
una A3 EG-TRON sarebbe una bella idea, ma anche parecchio complicata e probabilmente non avrebbero avuto un settore di mercato in cui piazzarla (ibrida?/elettrica?/metano?).
Piuttosto una TGE, mild hybrid sarebbe più concretamente immaginabile e fattibile e secondo me sarebbe un ottimo prodotto su cui dovrebbero lavorare speditamente (anche fosse solo greenwashing sposando la causa dei metanisti, ma dimostrerebbe che un passo alla volta si fa qualcosa)
Trovo sciocco non aver messo il 1.5 TGI sul Touran/Tiguan/Karoq/Ateca/Q3 o il 2.0 g-tron su Sharan/Q5/Kodiaq/Alhambra (che la SEAT, a suon di annunci, doveva essere l'alfiere del metano del gruppo VW ma di ibiza, leon e arona in giro non ne ho ancora viste, mentre golf, passat, touran, caddy, up! ne trovo tante in giro...qualcuno sta facendo andare troppo la bocca e poco le mani)

vg ha scritto:
Fa niente se un semplice installatore brevetta un iniettore-candela che permetterebbe di trasformare tutti i motori diesel in metano e ridurre i consumi di carburante e di conseguenza l'inquinamento, ma ovviamente tutte le case automobilistiche senza clamore boicottano l'omologazione del componente, altrimenti non vendono più niente di nuovo per anni!!!

Di che parli? sembra interessante.


OT:
su una cosa purtroppo c'è poco e niente da discutere o scherzare: l'Italia se si va avanti di questo passo diventa la casa di riposo (o il cimitero) dell'Europa. Sia perchè non si fa nascere più nessuno, sia perché non ci sarà più niente.
Serve a poco creare scienziati e ingegneri eccellenze mondiali che regalano perle (invenzioni) ai porci (chi non è in grado di valorizzarle e monetizzarle). ci credo che poi se ne vanno... Anche inventassimo ogni giorno il miglior ritrovato di ogni scienza, di fatto siamo incapaci di monetizzarlo e ottimizzarne il rientro economico e sociale creando ricchezza e benessere diffuso. Altrove in questo sono enormemente più bravi, sarebbe il caso di metterci la volontà e rimboccarsi le maniche imparando dai paesi più sviluppati e virtuosi a valorizzare, monetizzare e vendere i frutti del nostro know how. Che ne abbiamo da buttare e lo regaliamo via.

Su Radio24 il venerdì sento solo di startup, SaaS, fintech, app e cose del genere. Tutto e solo terziario. Ma poco e niente di apparecchi concreti, di "ferraglia".
Seriamente, alle condizioni attuali, come si fa a sopravvivere al sistema Italia se vuoi fare impresa nel secondario senza morire di burocrazia e pressione fiscale?
Fine OT.

_________________
--
Scrivo tutto a mio modesto e discutibile parere personale.
«Non attribuire mai a malafede quel che si può ragionevolmente spiegare con la stupidità.»
Nascosto Profilo Invia email
Pruvom
Ambasciatore del metano


Registrato: 2 Oct 2016
Messaggi: 727
Località: Parma
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 12:34 Rispondi citandoTorna in cima

L'elettricità è un bene prezioso e non andrebbe sprecato. Tuttavia l'automobile è uno dei modi più intelligenti per farlo, in quanto un motore elettrico è più del doppio efficiente rispetto a un termico, e la si usa anche d'estate quando il fotovoltaico rende (se non lo abbiamo, comunque quello del vicino).

E purtroppo le pompe di calore, ormai praticamente obbligatorie per legge sul nuovo, non lo sono così tanto in quanto riferito all'energia primaria quando lavorano sotto lo zero consumano tanto quanto una caldaia di ultima generazione visto che nel 95% dei siti italiani quando più c'è bisogno di calore, tanto meno il FV produce.

Una famiglia consuma circa 3500 kwh/anno e per esperienza diretta vi dico che una seconda auto elettrica (usata tutti i giorni) con autonomia 120 km la si carica una notte ogni 3 in garage a 1,8 per 7 ore circa. A fine anno fanno circa 1500 kwh. Ossia la famiglia passa da 3500 a 5000 kwh.

Se la stessa famiglia mette su una pompa di calore probabilmente triplicherà il consumo base.

Per non parlare dell'intensità di installazione: per una elettRica con una telefonata si porta il contatore da 3kw a 4,5kw, in recenti discussioni con fedelissimi del riscaldamento elettrico (pompe di calore) consigliavano ai loro clienti o 2 contatori monofase da 6 kw, o meglio un trifase da 12.. e questo non è molto ecologico.

Così come non sono ecologici i supercharger tesla da 150kw cadauno
Offline Profilo Invia email
JeremyClaxson
Metanista turbo


Registrato: 1 Aug 2019
Messaggi: 99
Località: (MI)
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 13:06 Rispondi citandoTorna in cima

Pruvom ha scritto:
per una elettRica con una telefonata si porta il contatore da 3kw a 4,5kw, in recenti discussioni con fedelissimi del riscaldamento elettrico (pompe di calore) consigliavano ai loro clienti o 2 contatori monofase da 6 kw, o meglio un trifase da 12.. e questo non è molto ecologico.

Così come non sono ecologici i supercharger tesla da 150kw cadauno

In che senso e perché non sono ecologici? Anche se siamo più in topic... Uhm...

_________________
--
Scrivo tutto a mio modesto e discutibile parere personale.
«Non attribuire mai a malafede quel che si può ragionevolmente spiegare con la stupidità.»
Nascosto Profilo Invia email
Pruvom
Ambasciatore del metano


Registrato: 2 Oct 2016
Messaggi: 727
Località: Parma
MessaggioInviato: Ven 4 Ott 2019, 19:51 Rispondi citandoTorna in cima

Perché 150 sono una marea di kw! Nel mio condominio ci sono otto famiglie pari ad una potenza impegnata di 24kw, 27 con quella condominiale.

Un supercharger sono come 50 famiglie in più dalla sera alla mattina. L'intensità elettrica solitamente destinata a 150 persone...

Se una centrale deve garantire elettricità ad un quartiere, e magari è già tirato, se in quel quartiere ci mettono 5 supercharger è come se arrivassero 250 famiglie (750 persone).
Probabilmente bisognerebbe ingrandire la centrale, e le centrali non so quanto possano modulare, sotto un tot si devono spegnere... e se ne faccio una enorme per garantire i 150x5 kw, se poi nessuno li usa bisogna spegnere. E se tutti attingono contemporaneamente? 750 kw in un botto

L'Italia grazie al fatto di non avere il nucleare, ha la più bassa intensità installata d'Europa, e questo è un valore ecologico.

E poi non vedo quale rinnovabile potrebbe coprire 150 kw di picco, servirebbero 50 impianti fotovoltaici "da villetta" a mezzogiorno, con un mezzogiorno che duri ore ed ore.

Si comunque siamo OT
Offline Profilo Invia email
Mostra prima i messaggi di:      
Rispondi nella discussione
Precedente Versione per la stampa Successivo
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum



Powered by phpBB © 2001 phpBB Group

Version 2.0.6 of PHP-Nuke Port by Tom Nitzschner © 2002 www.toms-home.com
:: fisubsilver shadow phpbb2 style by Daz :: PHP-Nuke theme by coldblooded (www.nukemods.com) ::